240
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-240,cookies-not-set,qode-social-login-1.1.1,stockholm-core-1.0.3,select-theme-ver-5.0.7,ajax_fade,page_not_loaded,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Emilgroup/ Chicago/ Coverings

Emilgroup/ Chicago/ Coverings

L’immagine di Emilgroup in fiera è sempre molto elaborata, ovunque decida di esporre nel mondo e in quasi 20 anni di continua collaborazione ne siamo perfettamente a conoscenza.

 

Mantenere certi standard in città come Chicago non è così semplice, questo per le numerose restrizioni sindacali sulla manodopera. Il regolamento dell’Illinois, come di diversi altri stati americani, obbliga all’installazione degli allestimenti tramite forza lavoro locale, quindi meno fidelizzata e abituata alle complessità dei nostri progetti.

 

Se per allestimenti semplici queste leggi non comportano particolari problemi, un progetto come quello di Emilgroup a Coverings diventa invece doppiamente complesso e quasi proibitivo dal punto di vista tecnico ed economico.

 

La sfida è stata vinta principalmente in due modi. Progettando lo stand in modo che facilitasse il montaggio, investendo di più sulla produzione e sfruttando la relazione quasi ventennale con il nostro fornitore di manodopera sindacale. Ogni singolo montatore è stato scelto in anticipo e la squadra preparata per il progetto ancora prima di entrare in fiera.

 

Essere un partner espositivo internazionale comporta prendere nota delle differenze che l’immenso mondo delle fiere presenta. Ogni paese, se non ogni città, può avere particolarità molto delicate e ignorarle può rivelarsi uno sbaglio clamoroso.

 

Alle volte queste differenze sono difficili da accettare per un’azienda di allestimenti, spesso perchè stravolgono il modo in cui è abituata a lavorare. Per ottenere un successo internazionale, è fondamentale avere sempre una mentalità aperta e rispettosa di queste di diversità, questo aiuta a crescere e a migliorare la propria offerta.

 

Come diceva un certo Picasso “non giudicare sbagliato ciò che non conosci, cogli l’occasione per comprendere.”