Realtà virtuale: il futuro degli allestimenti fieristici - A&M Production
11255
post-template-default,single,single-post,postid-11255,single-format-standard,cookies-not-set,mikado-core-2.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-child-theme-ver-1.0.0,mkd-theme-ver-2.1,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Realtà virtuale: il futuro degli allestimenti fieristici

Realtà virtuale: il futuro degli allestimenti fieristici

realtà virtuale a&m

La realtà virtuale è uno dei temi più caldi degli ultimi tempi, venendo attualmente utilizzata da svariati tipi di industrie. Scopriamo come A&M Production da alcuni mesi sta studiando la sua applicazione all’exhibit design.

 

“La virtual reality si rivela estremamente utile sia in fase di presentazione del progetto che durante l’evento, grazie alle innumerevoli attività di engagement che è capace di proporre, il quale unico limite è la fantasia (certo, alle volte anche il budget)”,

spiega Riccardo Montanari, Business Development Manager di A&M Production.

Ma facciamo un passo indietro e vediamo meglio di cosa si tratta. La Virtual Reality consiste nella combinazione di dispositivi hardware e software dando vita ad uno spazio virtuale nel quale è possibile muoversi liberamente. L’accesso a questo mondo simulato è reso possibile dai visori VR e altri accessori sviluppati appositamente per permettere all’utente di interagire e “vivere” all’interno della realtà virtuale. Si crea così un mondo tridimensionale che appare a tutti gli effetti come reale.

 
Le presentazioni in Virtual Reality
 

Questa tecnologia, quando applicata alla progettazione di un allestimento, diventa un fenomenale strumento che oltre alla semplice estetica permette di comprendere pienamente spazi e proporzioni, immergendo l’utente direttamente all’interno dello stand, e superando di fatto i limiti di strumenti di presentazione tradizionale come i più comuni Render 3D, plastici o qualsiasi altro tipo di rappresentazione.

 

Nelle presentazioni in VR l’approccio più semplice consiste in viste create all’interno del progetto in cui l’utente, dotato di visore, può ammirare il progetto come se fosse veramente intorno a lui.

 

Il livello successivo si raggiunge con la creazione della vera e propria esperienza virtuale, ovvero un ambiente in cui l’utente può muoversi all’interno dello stand alla stregua di un videogioco. Nel caso di A&M, questo accade in progetti particolarmente grandi o complessi, in cui la comprensione beneficia ampiamente della possibilità di esplorare tutti gli spazi.

 

Fino a qui, per quanto innovativo, si parla ancora di operazioni piuttosto semplici. Quella che rappresenta invece la nuova frontiera nella presentazione di un progetto è l’esperienza interattiva. Con questo si intende l’immersione dell’utente all’interno di un progetto con il quale è possibile interagire direttamente tramite il solo visore virtuale.

“Immaginiamo di poter spostarci all’interno dello stand e poter cambiare colori, texture, spostare elementi, espositori e arredi esistenti o anche accedere a una libreria e aggiungerne di nuovi”,

spiega Alessandro Alletto, architetto e sviluppatore del progetto.

“L’obiettivo è permettere al cliente di scegliere in totale libertà, con meno filtri possibili, come definire il proprio design assicurandosi di avere una comprensione totale dell’estetica e degli spazi”.

 
Non è il futuro, ma semplice attualità.
 

L’azienda crede fermamente che investire in metodi di presentazione più all’avanguardia sia di cruciale importanza, e questo percorso nella virtual reality ne è un chiaro esempio. Dagli investimenti più semplici in prodotti hardware e software a quelli più impegnativi in corsi personalizzati e lunghe sperimentazioni, A&M ha affinato diverse tecniche di presentazione in VR e questo servizio viene oggi offerto su diversi livelli in base alla complessità dei progetti.

“La customer experience viene sempre prima di tutto”,

continua Riccardo Montanari,

“Ci siamo dunque organizzati per ricreare queste presentazioni in remoto, o più semplicemente per spedire i nostri visori ovunque nel mondo, pronti a immergere il cliente nel progetto che il nostro studio ha confezionato apposta per lui”.

Ma il nostro interesse sul mondo della Realtà Virtuale non si concluderà qua. Sono infatti in corso attività di ricerca e sviluppo sulla creazione di esperienze virtuali volte all’engagement direttamente sullo stand, un concetto che ambisce a rivoluzionare la comunicazione del cliente in fiera e l’esperienza del visitatore sullo stand.

 

La Realtà Virtuale è una tecnologia in costante evoluzione che riserverà sicuramente sorprese interessanti. Un tema di cui continueremo a parlare nei prossimi articoli, insieme a tutte le novità dell’azienda.

 
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.